martedì 27 settembre 2016

Buon compleanno Dylan Dog. Compie 30 anni il fumetto di Tiziano Sclavi.




Era il 26 settembre 1986 quando l’Indagatore dell’Incubo arrivava per la prima volta tra le mani dei lettori italiani con una storia scritta da Tiziano Sclavi e disegnata da Angelo Stano pubblicata da Sergio Bonelli Editore (allora Daim Press). In pochi anni Dylan Dog è diventato un fenomeno nel panorama fumettistico italiano, con vendite che, per alcuni mesi dei primi anni Novanta, hanno addirittura superato Tex, il numero uno assoluto in edicola. E portato il personaggio anche al cinema. Ancora oggi è uno dei fumetti più letti e amati in Italia, un’icona che giunge al suo trentesimo compleanno.
Per festeggiare il traguardo, Sergio Bonelli Editore porta in edicola Dylan Dog n. 361, Mater Dolorosa, una storia scritta da Roberto Recchioni, curatore editoriale di Dylan Dog, illustrata e colorata da Gigi Cavenago, con copertina della colonna del fumetto italiano Angelo Stano. 
Una storia di amore e sofferenza che rivela alcuni segreti del passato e del presente di Dylan. Un albo dove ritroveremo personaggi ed elementi classici della vita dell’Indagatore dell’Incubo come Morgana, Xabaras, il galeone, il siero della vita eterna, i morti viventi, ma anche elementi i più recenti come John Ghost e Mater Morbi. Proprio quest’ultima è stata protagonista di Mater Morbi, albo n. 280 della collana e best seller nelle librerie di varia nell’edizione graphic novel, storia scritta sempre da Roberto Recchioni e disegnata da Massimo Carnevale, di cui l’albo 361, Mater Dolorosa, è la continuazione.
Mater Dolorosa diventerà un albo da collezione in occasione di Lucca Comics & Games, dove sarà disponibile in edizione limitata con variant cover di Zerocalcare.
E lunedì 26 settembre festa con i lettori a Milano nel Dylan Dog Horror Day organizzato da Sergio Bonelli Editore, una giornata ricca di eventi con la zombie walk che attraversa il centro di Milano: a Piazza del Liberty, l’associazione teatrale Zombie Inside trasforma in zombie i fan e accoglie i cosplayer dei personaggi di Dylan Dog che vorranno partecipare alla marcia. Capitanata da Dylan Dog in persona, la camminata partirà da Piazza del Liberty, proseguirà in Corso Vittorio Emanuele e sosterà dinanzi al Mondadori Megastore di Piazza Duomo 1. Proprio davanti al Duomo la zombie walk darà vita al primo frontespizio live della storia di Dylan Dog, disegno ispirato al Quarto Stato di G. Pellizza da Volpedo.


I festeggiamenti proseguono il n. 362 (in edicola dal 29 ottobre), un numero attesissimo che segna il ritorno di Tiziano Sclavi alla sceneggiatura dopo nove anni di assenza. La storia, intitolata Dopo un lungo silenzio, affronterà due temi molto intimi sia per l’autore sia per Dylan Dog: l’alcolismo e la solitudine. Un’opera che affonda la lama nel cuore di tenebra degli esseri umani. I disegni sono stati affidati a Giampiero Casertano, storico e amato illustratore del personaggio che con Tiziano Sclavi ha realizzato capolavori del fumetto come Attraverso lo specchio, Memorie dall’invisibile, Dopo Mezzanotte e La casa degli uomini perduti.
Ma chi è Dylan Dog?  un detective privato che si occupa esclusivamente di casi insoliti, in tutte le sfumature del termine. Ha poco più di trent'anni, è inglese, vive a Londra in una casa piena di gadget "mostruosi" e con un campanello che invece di suonare lancia un urlo agghiacciante. Ex agente di Scotland Yard, ha un passato misterioso. Dylan Dog è l'unico "Indagatore dell'Incubo" del mondo. 
Il fenomeno Dylan Dog: le avventure di Dylan hanno alternato l'orrore tradizionale con numerosi "omaggi" ai mostri classici (Frankenstein, l'Uomo Lupo, Dracula e tanti altri), allo splatter moderno dei film di Dario Argento e George Romero, ma anche al giallo, al surreale e al fantastico in genere, sempre con grande ironia, ed evolvendosi, nel corso degli anni, verso una sorta di "sophisticated horror comedy". Con questi ingredienti, dapprima lentamente e poi in un crescendo sbalorditivo, è esploso il "fenomeno Dylan Dog".